ISOLA DI KOS

 

kefalos kos

Kos o Coo è la terza isola più grande del Dodecaneso nel Mare Egeo in Grecia. La sua superficie è 282,52 kmq ed ha una popolazione di circa 30.000 abitanti, di cui la maggior parte concentrate nel capoluogo omonimo dell’isola.

è una delle destinazioni più migliori in Grecia. Con molti siti archeologici, spiagge sabbiose e divertimento per tutti i gusti. L’isola di Kos situato a nord di Nisyros e a sud di Kalymnos, all’arcipelago del Dodecaneso, circa 4 km dalla costa della località turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso,.

 

Latitudine: 36.8500° N Longitudine: 27.2333° E

Kos è un’isola greca appartenente all’arcipelago del Dodecaneso, sita di fronte alla località turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso, a circa 4 km dalla costa.
Misura circa 50 km di lunghezza per 12 km di larghezza nella parte più larga e vi vivono stabilmente circa 30.000 persone, di cui la maggior parte concentrate nel capoluogo omonimo dell’isola. Oltre di capoluogo Kos, altri centri abitati dell’isola sono Kardamena, Kefalos, Tigaki, Antimachia, Mastichari, Marmari e Pyli, oltre ai più piccoli villaggi di Zia, Zipari, Platani, Lagoudi e alla comunità di Asfentiou, un centro composto da 5 villaggi oramai quasi del tutto abbandonati ai piedi del monte Dikeo, la cima più elevata dell’isola.

A Kos, ogni estate, vengono organizzate varie feste a carattere prettamente locale tra cui varie mostre mercato per promuovere i prodotti dell’isola e della pesca. Nella prima settimana di agosto viene celebrata a Mastichari la Festa del Vino mentre nella prima quindicina dello stesso mese si celebra la Festa del Pesce e la Festa del Miele rispettivamente a Kefalos ed a Antimacheia. Inoltre, la prima quindicina di ottobre viene celebrata la festa della Menola a Kardamaina.
Infine, il carnevale viene celebrato con sfilata di carri soprattutto ad Antimacheia ed a Pili. 

kos cittaL’isola di Kos è caratterizzata dallo stile architettonico tipico delle isole del Dodecaneso, ma gli elementi locali sono stati alterati dalla crescita turistica dell’isola. I grandi hotel, costruiti nei villaggi e nelle città principali, hanno cambiato l’aspetto post-terremoto dell’isola con edifici a due piani e porte in legno e finestre blu.
Havouzia, la parte storica della città di Kos si trova alle spalle di Agia Paraskevi, è l’unica zona dichiarata insediamento tradizionale con obbligo di conservazione e ricorda il vecchio stile di vita. Le case sono costruite in pietra e calce, mentre le porte e le finestre sono incorniciate con pietra sottile e i tetti sono piatti, al fine di raccogliere l’acqua piovana.A Kos, ogni estate, vengono organizzate varie feste a carattere prettamente locale tra cui varie mostre mercato per promuovere i prodotti dell’isola e della pesca. Nella prima settimana di agosto viene celebrata a Mastichari la Festa del Vino mentre nella prima quindicina dello stesso mese si celebra la Festa del Pesce e la Festa del Miele rispettivamente a Kefalos ed a Antimacheia. Inoltre, la prima quindicina di ottobre viene celebrata la festa della Menola a Kardamaina. Infine, il carnevale viene celebrato con sfilata di carri soprattutto ad Antimacheia ed a Pili.

Storia

antica kosFonti scritte e reperti archeologici supportano l’idea che l’isola di Kos è stata abitata intorno al 2000 aC da Kariani, gente dalla vicina Asia Minore e in seguito dai Dori, che si stabilirono nella maggior parte delle isole dell’Egeo.
Gli abitanti, quanto l’isola ha una posizione strategica, misto qualche volta volontariamente e qualche volta involontariamente in situazioni politiche, e ha preso parte alla guerra di Troia. Inizialmente abitata dai Cari, fu colonizzata dai Dori nell’XI secolo a.C. che la unirono alla Federazione ateniese sconfiggendo i Persiani due volte. Nel VI secolo a.C. fece parte dell’esapoli dorica (dal V secolo a.C. Pentapoli dorica). La città di Còo fu costruita nel 366 a.C. e presto divenne un porto prima dell’impero romano e quindi dell’impero bizantino. L’isola può vantare di aver ospitato lo storico bizantino Michele Coniata, dal 1204 al 1220, anno della sua morte, che era metropolita d’Atene, fuggito a causa dell’invasione dei Crociati della quarta crociata. Leggi di piu

Vacanze in Kos

kos alykesKos ha un significativo sviluppo turistico e l’infrastruttura che permette a migliaia di visitatori ogni anno avere alloggi confortevoli e intrattenimento. L’isola ha molte località turistiche e offre soluzioni di vacanza molto economica. Ci sono buone strade che collegano tutti i principali villaggi dell’isola con la città di Kos. La vita notturna e il divertimento dell’isola è tra i migliori in Grecia. La parte settentrionale dell’isola è sempre battuta dal vento, ma ha fondali più cristallini rispetto invece a quella meridionale, con mare sempre calmo, acqua limpida ma fondale più scuro. Tra Kardamena e Kos ci sono le famose ‘Thermes’, delle piscine naturali di acqua caldissima e sulfurea. Andando in direzione di Kefalos si trova l’isola di Castri spesso visitata dai bagnanti che prendono il sole nella spiaggia di fronte.

TOURISMO

 

VACANZEKos è una moderna isola turistica e le sue alberghi hanno tutti i tipi di servizi e comfort con grande responsabilità per soddisfare la clientela con sistemazione eccellente, ristorazione, sport, animazione e intrattenimento. L’isola offre tutti i tipi di alloggi, dalle hotel di lusso a eleganti ville e appartamenti, monolocali e stanze in affitto con una pletora di scelte per tutti i bilanci.
Gli italiani intrapresero scavi archeologici e innalzarono palazzi in stile esotico sul fronte del porto che oggi sono sede di uffici governativi, tra cui si segnalano l’ex Casa del Fascio, con annesso cinematografo e dopolavoro, di Armando Bernabiti, realizzata tra il 1934 e il 1935, il Mercato delle Erbe, di Rodolfo Petracco, realizzato tra il 1934 e il 1935, ancora adibito allo stesso uso e il Palazzo del Governo di Kos, di Florestano Di Fausto, realizzato tra il 1927 e il 1929.

COME SI ARRIVA

KOS TRAGHETIPer via aerea Kos e collegata con Atene e con Rodi. L’aeroporto dista 27 Km dalla citta. lnformazioni: 0.A. di Kos , tel. +302242l28331-2. Da traghetti Kos e collegata col Pireo (distanza 200 mm).lnformazioni: Capitaneria di Porto di Kos , tel. +30 22420 26594-6 . Inoltre Kos e collegata da traghetti con le altre isole del Dodecaneso, con alcune delle Cicladi, con Ie isole dell’Egeo Orientale e con Salonicco.Da Kardamena e da Kefalos c’e un collegamento giornaliero con Nissyros. Inoltre ci sono molte imbarcazioni che effettuano escursioni turistiche per Nissyros, Pserimos e Kalymnos durante i mesi estivi.
Da aliscafi e colleg’ata con diverse isole del Dodecaneso e dell’Egeo Orientale. Leggi di piu

FESTE  E TRADIZIONI LOCALI

ΨΘΛΤΘΡΑA Kos vengono effettuate varie manifestazioni culturali.
In Agosto vengono organizzate le “Ippokratia” che comprendono mostre, rappresentazioni teatrali e di danze, conceni, ecc. Inoltre nell’AskIepieion ogni domenica, a mezzogiorno, c’e Ia rappresentazione del giuramento di Ippocrate.
Dalla Fondazione Internazionale “Ippokrateion” di Kos vengono organizzati importanti simposi medici.
In molti villaggi si svolgono sagre locali con feste e banchetti; il CarnevaIe tradizionale viene festeggiato in maniera particolare ad Antimachia.