Kos isola Grecia

Kos è un’isola greca appartenente all’arcipelago del Dodecaneso, misura circa 50 km di lunghezza per 12 km di larghezza nella parte più larga e vi vivono stabilmente circa 30.000 persone, di cui la maggior parte concentrate nel capoluogo omonimo dell’isola. L’isola di Kos si trova al centro delle isole del Dodecaneso che seguono da vicino la costa orientale della Turchia. Oltre di capoluogo Kos, altri centri abitati dell’isola sono Kardamena, Kefalos, Tigaki, Antimachia, Mastichari, Marmari e Pyli, oltre ai più piccoli villaggi di Zia, Zipari, Platani, Lagoudi e alla comunità di Asfentiou, un centro composto da 5 villaggi oramai quasi del tutto abbandonati ai piedi del monte Dikeo, la cima più elevata dell’isola.È una delle isole greche più facili da raggiungere poiché Kos non ha solo un aeroporto che prende voli charter da tutta Europa, ma ha anche un grande porto nella città di Kos. Poiché Kos si trova nel mezzo delle isole del Dodecaneso, si trova sulla rotta principale dei traghetti da Rodi ad Atene (Pireo) e anche sui veloci servizi giornalieri di catamarano di Dodekanesos Seaways. è la terza isola più grande del Dodecaneso nel Mare Egeo in Grecia. La sua superficie è 282,52 kmq ed ha una popolazione di circa 30.000 abitanti, di cui la maggior parte concentrate nel capoluogo omonimo dell’isola. è una delle destinazioni più migliori in Grecia. Con molti siti archeologici, spiagge sabbiose e divertimento per tutti i gusti.

kos A Kos, ogni estate, vengono organizzate varie feste a carattere prettamente locale tra cui varie mostre mercato per promuovere i prodotti dell’isola e della pesca. Nella prima settimana di agosto viene celebrata a Mastichari la Festa del Vino mentre nella prima quindicina dello stesso mese si celebra la Festa del Pesce e la Festa del Miele rispettivamente a Kefalos ed a Antimacheia. Inoltre, la prima quindicina di ottobre viene celebrata la festa della Menola a Kardamaina.
Infine, il carnevale viene celebrato con sfilata di carri soprattutto ad Antimacheia ed a Pili. Kos vengono effettuate varie manifestazioni culturali.
In Agosto vengono organizzate le “Ippokratia” che comprendono mostre, rappresentazioni teatrali e di danze, conceni, ecc. Inoltre nell’AskIepieion ogni domenica, a mezzogiorno, c’e Ia rappresentazione del giuramento di Ippocrate.
Dalla Fondazione Internazionale “Ippokrateion” di Kos vengono organizzati importanti simposi medici.
In molti villaggi si svolgono sagre locali con feste e banchetti; il CarnevaIe tradizionale viene festeggiato in maniera particolare ad Antimachia.

L’isola di Kos è caratterizzata dallo stile architettonico tipico delle isole del Dodecaneso, ma gli elementi locali sono stati alterati dalla crescita turistica dell’isola. I grandi hotel, costruiti nei villaggi e nelle città principali, hanno cambiato l’aspetto post-terremoto dell’isola con edifici a due piani e porte in legno e finestre blu.
Havouzia, la parte storica della città di Kos si trova alle spalle di Agia Paraskevi, è l’unica zona dichiarata insediamento tradizionale con obbligo di conservazione e ricorda il vecchio stile di vita. Le case sono costruite in pietra e calce, mentre le porte e le finestre sono incorniciate con pietra sottile e i tetti sono piatti, al fine di raccogliere l’acqua

VACANZE A KOS

spiagge di kos Kos è lunga e sottile, a differenza di molte altre isole greche, è per lo più pianeggiante e bassa, soprattutto a nord e ad ovest. Di conseguenza, gran parte del paesaggio di Kos non è eccezionale per gli standard della Grecia, anche se diventa più montuoso a sud e ad est.
La mancanza di colline ha contribuito a rendere la bicicletta un’attività molto popolare per le vacanze a Kos e non ci sono fine di punti di noleggio biciclette e persino piste ciclabili dedicate tra i grandi hotel per le vacanze.
Oltre alla vivace vita notturna della città di Kos e una miriade di località balneari, l’isola vanta anche alcuni dei migliori siti archeologici che si trovano nel Mediterraneo. Per molti, però, sono le lunghe spiagge sabbiose che rendono una vacanza a Kos così attraente con gite di un giorno in barca nella vicina Turchia un’escursione turistica molto popolare.

Kos isola ha un significativo sviluppo turistico e l’infrastruttura che permette a migliaia di visitatori ogni anno avere alloggi confortevoli e intrattenimento. L’isola ha molte località turistiche e offre soluzioni di vacanza molto economica. Ci sono buone strade che collegano tutti i principali villaggi dell’isola con la città di Kos. La vita notturna e il divertimento dell’isola è tra i migliori in Grecia. La parte settentrionale dell’isola è sempre battuta dal vento, ma ha fondali più cristallini rispetto invece a quella meridionale, con mare sempre calmo, acqua limpida ma fondale più scuro. Tra Kardamena e Kos ci sono le famose ‘Thermes’, delle piscine naturali di acqua caldissima e sulfurea. Andando in direzione di Kefalos si trova l’isola di Castri spesso visitata dai bagnanti che prendono il sole nella spiaggia di fronte.

Kos è una moderna isola turistica e le sue Hotel hanno tutti i tipi di servizi e comfort con grande responsabilità per soddisfare la clientela con sistemazione eccellente, ristorazione, sport, animazione e intrattenimento. L’isola offre tutti i tipi di alloggi, dalle hotel di lusso a eleganti ville e appartamenti, monolocali e stanze in affitto con una pletora di scelte per tutti i bilanci.

QUADRO GEOGRAFICO E STORICO

kos Kos e la terza isola per grandezza dopo Rodi e Karpathos (superficie 290 Kmq, lunghezza costiera 112 Km). Si trova all’entratadel golfo Keramikòs dell’Asia Minore. Gran parte dell isola è pianeggiante e soltanto a Sud-Est si elevano i monti Dikeos e Simpetros. Kos e fertile e verdeggiante con molte acque correnti, spiagge incantevoli, un clima meraviglioso e sorgenti termali.

Abitata fin dalla preistoria, Kos conobbe un grande splendore durante il periodo miceneo e prese parte alla guerra di Troia. Nel Vl sec. a.C., insieme ad Alicarnasso, Cnido, lalysos e Kamiros, Kos titui l’Esapoli dorica. Dopo la fine delle guerre persiane divenne membro della prima Lega Ateniese. L’isola è il luogo natio del padre della medicina, Ippocrate (467-357 a.C.), il cui insegnamento fu una tappa importante per la sua storia.

La fondazione della nuova città di Kos nel 366 a.C. segnò un periodo di splendore durante il quale l’isola fu una delle più importanti potenze marittime e
commerciali nel Mediterraneo. Una simile prosperità conobbe anche durante il periodo dei Tolomei.Durante il I sec. d.C. passò sotto il dominio romano e decadde. Nel periodo bizantino conobbe un nuovo splendore, nell’Xl secolo fu provata dalle incursioni dei Saraceni, passò ai Genovesi ed ai Veneziani per essere concessa, nel 1315, all’Ordine dei Giovanniti.

Nel 1522 passò ai Turchi. Dal 1912 fino al 1948 fu occupata dagli ltaliani. Oggi Kos s iè sviluppata in un centro cosmopolitico e dè sempre più richiesta nelle preferenzedei turisti, dal momento che, oltre al suo meraviglioso ambientenaturale, presenta notevoli antichità e importanti monumenti, una perfetta infrastruttura turistica

Gli italiani intrapresero scavi archeologici e innalzarono palazzi in stile esotico sul fronte del porto che oggi sono sede di uffici governativi, tra cui si segnalano l’ex Casa del Fascio, con annesso cinematografo e dopolavoro, di Armando Bernabiti, realizzata tra il 1934 e il 1935, il Mercato delle Erbe, di Rodolfo Petracco, realizzato tra il 1934 e il 1935, ancora adibito allo stesso uso e il Palazzo del Governo di Kos, di Florestano Di Fausto, realizzato tra il 1927 e il 1929.

KOS-asclepion Fonti scritte e reperti archeologici supportano l’idea che l’isola di Kos è stata abitata intorno al 2000 aC da Kariani, gente dalla vicina Asia Minore e in seguito dai Dori, che si stabilirono nella maggior parte delle isole dell’Egeo.
Gli abitanti, quanto l’isola ha una posizione strategica, misto qualche volta volontariamente e qualche volta involontariamente in situazioni politiche, e ha preso parte alla guerra di Troia. Inizialmente abitata dai Cari, fu colonizzata dai Dori nell’XI secolo a.C. che la unirono alla Federazione ateniese sconfiggendo i Persiani due volte. Nel VI secolo a.C. fece parte dell’esapoli dorica (dal V secolo a.C. Pentapoli dorica). La città di Còo fu costruita nel 366 a.C. e presto divenne un porto prima dell’impero romano e quindi dell’impero bizantino. L’isola può vantare di aver ospitato lo storico bizantino Michele Coniata, dal 1204 al 1220, anno della sua morte, che era metropolita d’Atene, fuggito a causa dell’invasione dei Crociati della quarta crociata.

COME RAGGIUNGERE

Per via aerea Kos e collegata con Atene e con Rodi. L’aeroporto dista 27 Km dalla citta. lnformazioni: 0.A. di Kos , tel. +302242l28331-2. Da traghetti Kos e collegata col Pireo (distanza 200 mm).lnformazioni: Capitaneria di Porto di Kos , tel. +30 22420 26594-6 . Inoltre Kos e collegata da traghetti con le altre isole del Dodecaneso, con alcune delle Cicladi, con Ie isole dell’Egeo Orientale e con Salonicco.

kos-traghetti Kos si trova sulle principali rotte dei traghetti del Dodecaneso, sia dalla Grecia continentale che dall’Egeo settentrionale, quindi ci sono molti collegamenti dalla città di Kos. Alcuni servizi di traghetti operano dalla località portuale della costa settentrionale di Mastichari, principalmente traghetti per Kalymnos dove possono essere presi altri servizi di traghetti.

I traghetti giornalieri partono da Kos ad Atene (Pireo), con un tempo di percorrenza compreso tra cinque e sei ore, di solito nel pomeriggio.La città di Kos è anche un porto principale di scalo per le rotte gestite da Dodekanesos Seaways che gestisce servizi da Rhode a Kos e su Kalymnos, Leros, Lipsi e Patmos.

Da Kardamena e da Kefalos c’e un collegamento giornaliero con Nissyros. Inoltre ci sono molte imbarcazioni che effettuano escursioni turistiche per Nissyros, Pserimos e Kalymnos durante i mesi estivi. Da aliscafi Kos e collegata con diverse isole del Dodecaneso e dell’Egeo Orientale.

KOS AEROPORTO

KOS-aeroporto L’aeroporto di Kos si trova al centro dell’isola tra Mastichari a nord e Kardamena a sud, e circa 26 chilometri a ovest del porto della capitale a Kos città. Oltre ai charter estivi, ci sono voli nazionali di linea giornalieri per Atene e per Rodi. Compagnie aeree economiche come EasyJet e Ryanair offrono anche voli diretti per Kos.
Hippocrates Aeroporto, ha 12 banchi check-in e tre nastri per i bagagli, ma aspettano code in alta stagione estiva.
Con un numero annuo di passeggeri di oltre due milioni, l’aeroporto è aperto 24 ore su 24 in estate per far fronte al traffico delle vacanze.
L’aeroporto non è particolarmente ben attrezzato. Ha un ristorante, un centro benessere, alcuni negozi e un bar / caffetteria ma non molto altro e non ci sono hotel nelle vicinanze. C’è un parcheggio per circa 200 auto.
Gli autobus pubblici arrivano alla città di Kos via Mastichari e Marmarias e ci sono servizi per le località di Kardema e Kefalos. I dettagli sono sul sito web di KTEL Kos. I taxi sono un modo economico per raggiungere località vicine come Kardamena e Mastichari, ma sono costosi per la città di Kos.

La città di Kos

kos citta La bella città di Kos, costruita in una zona verdeggiante, si trova all’estremità nord-orientale dell’isola. Nelle sue strade, ornate ai lati da filari di palme, circolano molte biciclette, il mezzo di trasporto preferito dagli abitanti.

É una città moderna con un accurato piano urbanistico e regolatore, belle piazze, edifici moderni, strade larghe, molti alberghi, complessi turistici, ristoranti, locali di divertimento, negozi, ecc. e svariate possibilità di
sport e di vita notturna.
Si può nuotare nelle spiagge vicine alla città: Psalidi, Agios Fokàs, Dimitra, Lambi. Ad 1 Km a Sud-est di Agios Fokàs, a Thermes, ci sono sorgenti termali con stabilimenti e bagni.

COSA VEDERE

Il platano di lppocrate Il platano di lppocrate, un albero enorme con una circonferenza del tronco pari a 12 metri, che è ritenuto il più antico in Europa e secondo la tradizione fu piantato dallo stesso Ippocrate che insegnò all’ombra di esso.

Il castello veneziano dei Cavalieri (XV secolo), che si conserva in ottime condizioni e costituisce un esempio di imponente architettura di difesa per la sua epoca.

La Loggia, un edificio a due piani del XVIll secolo con un altissimo minareto costruito con materiale proveniente dall’area della città antica.

Interessanti sono le basiliche paleocristiane, all’interno e fuori della città: Haghios loannis, Haghios Nikitas Ftochòs, Haghia Ekaterini, Panaghia Syntriani e Panaghia Tsoukalarià, tutte con notevoli affreschi e templa artisticamente lavorati.
Nel Museo Archeologico della città sono custoditi ritrovamenti di epoca classica, ellenistica e romana.

VILLAGGI DI KOS

MARMARI Tra i numerosi villaggi di Kos , dotati dalla natura, si riportano i seguenti: Asphendiou(14 Km a Sud della città) situato ai piedi del Dikeos in una zona verdeggiante; Tingaki (14 Km ad Ovest di Kos), abitato costiero di fronte allisoletta di Pserimos, Pyli (17 Km a Sud-Ovest della città), esteso in una piana verdeggiante con le rovine di un castello bizantino, in cui si conserva la chiesa dell Ypapanti (Purificazione), Antimachia (25 Km a Sud-Ovest di Kos), situato su un altipiano, dove si trova anche l’aeroporto dell’isola, è un villaggio caratteristico che conserva le usanze e le tradizioni locali in maniera intensa. Ci sono diverse vecchie case costruite in stile locale: se ne può avere un’idea visitando la casa di Antimachia che funziona come museo etnografico.
Mastichari, scalo di Antimachia e secondo porto dell’isola si trova sulla costa ta nord in una piccola baia.
Marmari, con la sabbia argentata e le installazioni turistiche, si trova a Nord di Pyli, di fronte a Pserimos. A 29 Km a Sud- Ovest di Kos si trova Kardamena, un moderno luogo di illeggiatura con una meravigliosa ampia spiaggia e una buona infrastruttura turistica. Offre molte occasioni per sport nautici e vita notturna. All’estremità sud-occidentale dell’isola, in una zona con molti monumenti, si trova Kefalos (a 43 Km dalla città).